Condominio

Sociologia condominiale 7 - Il condomino egocentrico

di Sabrina Apuzzo (Presidente Naca - National Association Condominium Administrators)

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

In questa serie di otto articoli (escono ogni mercoledì) è articolato un corso di sociologia condominiale per allentare lo stress dell’amministratore attraverso l’esame di altrettante tipologie di condomino.

Puntate già uscite (cliccare sul titolo per la lettura):
1 - Il condomino logorroico
2 - Il condomino molto attento al risparmio
3 - Il condomino aggressivo
4 - Il condomino timido
5 - il condomino indeciso
6 - Il condomino diffidente

IL CONDOMINO EGOCENTRICO
Il soggetto egocentrico, involontariamente, è compiaciuto di fare sfoggio di sé e prova una profonda soddisfazione quando gli vengono riconosciute doti e peculiarità; è identificabile per gli atteggiamenti esibizionistici ed è, tipicamente, portato all’egoismo. Pertanto l’interlocutore viene considerato mezzo per soddisfare i suoi bisogni, più che come una persona. Una peculiarità di questo tipo di condomino è una certa inflessibilità di pensiero e di modo di fare. Presenta atteggiamenti tipici del Genitore Normativo e del Bambino Adattato, attivati dall’ansia di non riuscire a essere il migliore.

L'amministratore dovrà, con il proprio Genitore Affettivo, comunicare al Bambino Adattato del condomino rassicurandolo e facendogli capire di tenerlo in considerazione. Il condomino sarà tanto meglio disposto nei riguardi dell'amministratore, quanto più l'amministratore saprà superare le aspettative di apprezzamento del condomino stesso. In modo tale l'amministratore creerà un terreno fertile per un rapporto empatico che può portare alla fidelizzazione.

Poiché il condomino egocentrico si ritiene meritevole della massima attenzione, per motivarlo è necessario enfatizzarne le prestazioni, in modo che egli diventi un elemento di distinzione del condominio.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©