Fisco

Bonus, cercasi percorso per la regolarizzazione

di Sarah Supino e Chiara Todini

La Cassazione ha tracciato il confine tra crediti inestistenti e non spettanti che va però declinato in materia edilizia

Dopo l’esercizio dell’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, possono presentarsi evenienze – tipicamente, in uno stato avanzato di lavorazione o al termine dei lavori edili – per le quali il credito, ancorché venuto formalmente in esistenza, risulti a posteriori non spettante. C’è allora da chiedersi se il contribuente diligente, che voglia ravvedere l’errore commesso, abbia gli strumenti idonei per procedere alla regolarizzazione della propria posizione.

A oggi non constano...