Gestione Affitti

Sondaggio Idealista sul caro affitti: solo il 52% di case locate in Italia ha un canone mensile sotto i 750 euro

di Redazione

Venezia (3%) e Milano (4%) sono le città italiane più esclusive

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus


Dopo il blackout del Covid, dall'estate del 2021, la domanda di locazione ha ripreso a viaggiare a pieno regime riscaldando i prezzi, cresciuti del 7,4% negli ultimi 12 mesi. Partendo da questo dato il portale immobiliare Idealista ha condotto uno studio per individuare dove si concentrano gli affitti più accessibili in tutti i capoluoghi italiani. Dall'analisi è emerso come solo il 52% degli annunci di case in affitto in Italia abbia un prezzo inferiore a 750 euro al mese. Complice l'inflazione, negli ultimi mesi si è andata assottigliando l'offerta di case in locazione nelle fasce di prezzo più accessibili (sotto i 750 euro mensili): -10%, secondo idealista.

Il volume degli affitti a prezzi accessibili (al di sotto di questi 750 €) sale al 68% del totale, se si include il resto dei mercati non capoluogo di provincia e aree rurali. Il 70% dei capoluoghi presenta una prevalenza di case in locazione a prezzi mensili inferiori alla soglia di sostenibilità delle famiglie. Caltanissetta, Vibo Valentia, Vercelli e Gorizia, con il 100% delle case in locazione a costi inferiori a 750 euro, sono le città più convenienti per i locatari. In altri 69 capoluoghi italiani la percentuale di alloggi in affitto a prezzi accessibili è maggiore rispetto alla media nazionale: si va dal 97% di Terni al 53% di Livorno.

Sul lato opposto ci sono le città dove l’affitto è storicamente più caro. A Venezia solo il 3% dell’offerta disponibile è inferiore a 750 euro. La percentuale sale al 4% a Milano, mentre a Firenze e Bologna la percentuale di alloggi a prezzi accessibili tocca rispettivamente il 7% e il 9%.Nei principali mercati dell'affitto, il 50% dell'offerta complessiva si concentra in soli 10 capoluoghi (Roma, Milano, Firenze, Napoli, Genova, Torino, Palermo, Bologna, Catania e Venezia) , potrebbe essere necessario aumentare il budget a 1.000 euro al mese. Anche così le case accessibili toccano appena il 15% a Milano, il 18% a Venezia, il 27% a Firenze e Bologna, il 30% a Padova. A Roma si sale al 32%, a Napoli con questa soglia di spesa la scelta si allarga al 63% dell'offerta cittadina mentre, nel resto d'Italia, la percentuale di alloggi accessibili sale al 67%.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©