Gestione Affitti

Non valida la clausola che impone all’affittuario di rinunciare all’indennità per perdita di avviamento

di Edoardo Valentino

Per legge, il conduttore ha diritto a 18 mensilità dell’ultimo canone corrisposto o a 21 mensilità se l’immobile è stato adibito ad attività alberghiera

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Al termine del contratto di locazione commerciale il conduttore, che con i suoi sforzi ha contribuito a creare un’attività all'interno dell'immobile affittato, ha diritto a percepire un'indennità per l'avviamento commerciale.
L'avviamento commerciale è quindi visto dall'ordinamento come una dotazione che il conduttore uscente lascia al proprietario dei muri e viene monetizzata tramite la corresponsione di un’indennità.

Cosa prevede la Legge equo canone

La norma fondamentale per comprendere la disciplina dell'avviamento...