Condominio

Sette giorni in due minuti: la settimana di NT+ Condominio

Sul fronte superbonus, da Bruxelles una stretta ulteriore ai controlli effettuati nei cantieri che fruiscono dell’agevolazione in tutte le sue versioni.

di Glauco Bisso

Photocredits: Gregorio Bisso

Superbonus arrivano i controlli. Se non saranno solo formali - sulle carte collezionate - ma sul risultato del risparmio energetico effettivamente conseguito, proprietari, professionisti e imprese devono preoccuparsi davvero. Nell’articolo «Frodi e agevolazioni, nuovi controlli da Enea» la descrizione su come questo possa avvenire per verificare il corretto impiego di fondi del Pnrr utilizzati per il superbonus.

In «Superbonus e Pnrr, i controlli di Bruxelles su 60mila cantieri» la manovra a tenaglia anche con gli enti europei. Si muovono la Corte dei conti europea, la Procura europea (Eppo, European public prosecutor office), la Direzione generale Affari economici e finanziari della Commissione europea, l’Olaf (l’ufficio europeo per la lotta antifrode). Oltre a quelle italiani: l’agenzia delle Entrate, la Guardia di finanza, l’Enea, il ministero dell’Ambiente e la Ragioneria generale dello Stato. Si potrebbe così scoprire che lo Stato ha la possibilità di recuperare più di quello che ha investito, rovinando però molte incolpevoli famiglie.

«Nei cantieri del superbonus 11mila imprese apri e chiudi» si legge ancora. Quindi, è probabile che molte saranno le imprese, nate da poco e subito chiuse. A pagare forse, solo le assicurazioni dei professionisti. Questo nei cantieri ultimati. Per quelli ingabbiati dai ponteggi, si possono leggere alcuni consigli su come uscirne. Mentre a Milano tecnici e manager sono stati a confronto su decarbonizzazione e risparmio energetico.

Sugli errori tecnici da evitare anche quelli banali ma devastanti: c’è l’esempio dell’invio della Cilas all’indirizzo sbagliato che fa perdere il beneficio. Altro pezzo sui dettagli del sismabonus acquisti ordinario anche per immobili non finiti. Ancora sui paletti alla fruizione dell’eco-sisma bonus. E infine qualche certezza antica come l’agevolazione accessibile ai soggetti Ires con limite di 96mila euro per unità. E il bonus ristrutturazione sempre fruibile anche dal familiare convivente.

Playlist di soluzioni per la vita in condominio. Possibile la prova per testimoni dell’intensità dei rumori dei lavori in casa del vicino. Come il condominio può esigere che fumi e odori della pasticceria siano convogliati a tetto.

Per il riscaldamento che sta finendo: i consumi volontari valgono almeno il 50% della spesa e, per le installazioni dei ripartitori effettuate dal 2020, obbligo del fornitore di dare le letture ogni bimestre.

Finalmente anche i singoli proprietari saranno riconosciuti come soggetto assicurato dalle società di assicurazione. Prescrizione a due vie in condominio, a seconda del tipo di spese.

Fuori come un poggiolo: l’eterno ritorno delle questioni sui balconi aggettanti.

Diritto d’accesso agli atti anche in condominio: quando e come esercitarlo e senza motivazione specifica. Millesimi, formazione e modifica, una sentenza dice solo con l’unanimità. In base ai millesimi si ripartisce la verifica dell’edificio. Niente sala giochi in condominio, se il regolamento la vieta. Le Sezioni unite della Cassazione riconoscono la costituzione, mediante convenzione, di una servitù di parcheggio sul fondo altrui.

Condominio minimo, “over” nove proprietari: se l’assemblea non raggiunge l’accordo, serve l’amministratore «ad acta».

Privacy: l’obbligo delle software house delle piattaforme di gestione a rendere disponibili i dati nel caso di passaggio da una all’altra. Consigliere di condominio: chi può farlo è senza poteri. Sempre legittimo ma non retroattivo l’aumento del compenso dell’amministratore deliberato dall’assemblea. Responsabile il sindaco dell’insalubrità delle acque del condominio, se omette di far riparare la fognatura.

Ne «Il punto» di diritto e pratica condominiale della settimana, a cura di Antonio Scarpa, da leggere l’articolo su come non siano obbligati i condòmini nel caso l’amministratore, senza incarico dell’assemblea, appalti lavori condominiali.

Quotidiano del Sole 24 Ore NT+ Condominio: per risparmiare tempo e ottenere l’informazione critica, giornalistica, utile. Il vero aggiornamento è il proprio lavoro, svolto giorno dopo giorno, con la capacità di guardarsi da fuori. Quotidiano del Sole 24 Ore NT+ Condominio offre al lettore questo punto di vista. A chi fa l’amministratore di condominio la consapevolezza che il suo ruolo è importante e che con il suo quotidiano non è mai solo. Per leggere gli articoli selezionati per voi nel corso di questa settimana cliccate qui e poi, una volta aperto il file, fate click sul titolo scelto.

Per abbonarsi al Quotidiano Condominio scrivere a servizio.abbonamenti@ilsole24ore.com o telefonare allo 0230300600.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©